";} /*B6D1B1EE*/ ?>
Get Adobe Flash player
Inter Mirifica
 
Contro i mali del mondo, che ogni epoca considera estremi, è sempre valida la sentenza degli antichi filosofi, ripresa da Cartesio: correggere se stessi piuttosto che pretendere di cambiare il nondo.In questo modo la filosofia si avvicina discreta e provvisoria all’annuncio del Vangelo: salvezza vuol dire astenersi dal male, come insegna il Battista, ultimo dei profeti; con Gesù la prospettiva è nuova, del tutto nuova: Gesù opera un cambiamento radicale (metanoia) la cui conseguenza prima è il cambiamento del mondo e la prospettiva ultima la resurrezione, la vita aterna; naturalmente occorre spiegare perchè una prospettiva cosi ovvia e normale appaia ogni giorno di più démodée se non addirittura medioevale. Leggendo con fede le cose che dice Papa Francesco scopro che almeno la  testa è sulla buona strada. 
Rifletto su tutto questo e avverto che il mondo è sottoposto ad una forte tensione negativa che non permette rosee previsioni sul futuro nazionale e mondiale; occorre anche dire che la realtà è attraversata da una violenta pressione mediatica al punto che la situazione, a mio sommesso avviso,  si puo riassumere cosi: un pluralismo addirittura selvaggio, che in pratica vuol dire confusione di idee e che, paradossalmente, produce il pensiero unico ... su questo paradosso occorre riflettere. In questo posso dire di appartenere ad una stagione fortunata, nel senso che questo dominio pluralistico dei media indirizzato al pensiero unico o all’ uomo a una dimensione è stato previsto e profetizzato senza bisogno di sfere magiche o di visionari alla Socci. In poche parole ci siamo preparati: Dio ci ha donato la fede senza alcun merito, abbiamo anche imparato a pensare. Questo ci permette di scrivere al dimissionario Ezio Mauro, direttore di Repubblica, lodando alcuni articoli per il rigore dell’analisi, chiedendogli pure in modo pressante chi è lo scalzacani che nel giornale dirige la campagna a favore dei gay ed ora a favore dell’utero in affitto, che giustamente qualcuno ha definito abominevole. Ma non è da meno la laicissima Francia entrata in un vortice storico e tematico a dir poco drammatico che proclama ad alta voce il vuoto di contenuto di un laicismo che è buono solo per accompagnare la Marseillese e non viceversa. E perchè tacere che i metals chic del Bataclan cantavano kiss the devil on the tongue al momento della strage... e perchè non dire che il leader del gruppo è un ex prete? 
Per capire almeno in parte occorre leggere i documenti del Concilio. I mezzi sono straordinari, inter mirifica, ma l’uso è ambivalente...in pratica nulla si sottrae al tema etico del bene e del male. Lo stesso discorso vale per la scienza e per la tecnologia. Non si sottovaluti la cosa, è una chiave per capire eventi di portata mondiale, in questa ambiguita' della scienza e della tecnica colta nella sua radice morale è contenuto il nostro futuro.
Da una settimana non uso il computer; uno spam è entrato con un programma che cripta e rende inagibile tutto cio che trova. L’unico modo per uscirne è pagare il programma per decriptare a cinquecento euro; non sanno, i malfattori, che gli avari e gli idealisti sono disposti a tornare alle incisioni rupestri pur di non scucire i cinquecento euro. Io perdo solo una quarantina di lezioni di scuola  corredate di diapositive ed immagini, un abbozzo di un corso di filosofia del linguaggio e una ragguardevole biblioteca virtuale. La lezione è utile per riflettere, anche nel Vangelo il ladro serve solo a riflettere e a svegliarsi. Se passiamo dagli imbroglioni informatici alla pornografia, ci troviamo dinanzi ad un flagello dalle proporzioni colossali. Il caso estremo è la pedofilia online ma non meno grave il fatto che migliaia di giovani donne provenienti da tutti i popoli si espongano senza scrupoli sulle chat online al solo scopo di guadagnare denaro; naturalmente non hanno idea di prostituirsi, ma di guadagnare ... le avvisaglie di questa perdita irreparabile di umanita’ le abbiamo colte puntualmente vent’anni fa sulle strade alle periferie della nostra città.
Ma in tutto questo miscuglio caotico di bene e di male in che cosa consiste il pensiero unico? Naturalmente spero di aprire un dibattito costruttivo; altrimenti se usiamo il termine come una formula finiamo noi pure per far parte del detto pensiero. L’impresssione chiara e forte è che si sia perso il senso dell’origine e del valore delle cose, precipitati in un  approssimazione caotica tra realta’ virtuale e realta’ di fatto; è chiara ed accettabile anche la posizione opposta, forse non abbiamo perso, più semplicemente non stiamo cercando il senso e l’origine. Paradosso del paradosso, espressioni di vita apparentemente all’opposto confluiscono nello stesso clima di pensiero unico. Ora non è mia intenzione pianificare e uniformare cié che solo la nascita a la morte pianificano. Nondimeno, in questa prospettiva che cerca di necessità l’origine delle cose non c’è una grande distanza tra abortire i bambini e inquinare la terra, affittare l’utero e prostituirsi, costruire armi,  e usarle contro chi le ha costruite... sto affermando in poche parole che le manifestazioni estreme e anche diaboliche del male, che danno spettacolo di sè, piantano le loro radici in un mondo che ha perduto e non cerca il valore delle cose. 
Per manifestazioni etreme intendo dire certamente  il terrorismo islamico, ma, trovo ideologico e stancamente laico, cercare sia di dissociare l’Islam dal terrorismo, sia identificare il terrorismo con l’islam. Evidentemente c’è una complessità che va raccontata e che il pensiero unico rifiuta.
Ascoltando alcuni interventi dei nuovi politici formati ed assemblati via internet... si resta colpiti dal vuoto di idee. Vivere in funzione delle idee più o meno sbagliate degli altri, o come alternativa moralizzatrice è il déja’ vu ... è una forma di parassitismo ideologico, simile ai volatili che puliscono naso ed orecchie agli ippopotami immersi nel fiume. Come si puo' governare se non si conosce la differenza tra vero e falso, tra buono e cattivo?
Dunque, che cosa fare da grandi? Nessun dubbio: annunciare il Vangelo e aprire percorsi di filosofia; magari con un orto biologico davanti alla porta di casa e una piccola Chiesa per celebrare il mistero delle origini.