";} /*B6D1B1EE*/ ?>
Get Adobe Flash player
 
Papa Francesco in Africa: Visita alla baraccopoli di Nairobi. "Poveri emarginati da pochi ricchi"
 
 
COLORI
 
M. Negri  è l’espressione tipica della difficoltà a dominare la lingua, ne parla san Giacomo nella sua lettera. Una fatica immane che ci accomuna. Ma c’è anche la difficoltà parallela, quella di dominare le orecchie, che sono maledettamente due, e per qualcuno, che si considera libero ascoltatore in libero stato, sembrano fatte solo per spiare, accusare e deridere. Ne sanno qualcosa i due grandi giornalisti, inseritisi subdolamente nel menage della coppia vaticana, e ora seduti alla invisibile sbarra del Vaticano, come due bambini timorosi scoperti a rubare la frutta del vicino. L’avvento dei media e dei mezzi di comunicazione ha dilatato le lingue e moltiplicato le orecchie. O, come si suole dire, siamo tutti spiati; diciamo pure che siamo anche diventati tutti un po’ spioni …
Caro monsignore, non fare contorsionismi … vai dal Papa, prendi la freccia rossa, recita i salmi penitenziali in latino, così solo il tuo segretario potrà capire. In tre ore sei la, e chiedigli scusa. Il Papa ha appena firmato il suo libro intervista. Il nome di Dio è misericordia. La copertina è autografa. Il Papa scrive chiaro e diritto, lascia poco spazio alle illazioni e ai pettegolezzi. Non preoccuparti, non ti cambierà di posto con uno straccio di prete che si occupa di prostitute e di emigranti, di drogati e di ragazze madri. Molto probabilmente sarà lui a chiederti scusa, e a chiederti di pregare per la sua buona morte. Naturalmente ci si domanda: chi può fare il vescovo serenamente in una Chiesa così,  con la lingua allo stato brado, tra spiati e spioni mediatici? Alla fine l’unica cosa che davvero ci distingue è essere santi (oggi si usa coerenti) oppure no (nel Vangelo si usa ipocriti). Piuttosto, il monsignore potrebbe organizzare qualcosa per l’Africa, dove il Papa sta viaggiando, qui i negri come lui sono la maggioranza e anche simpatici, poveri e simpatici.
Ma veniamo ai Rossi: Valentino ha tenuto il campo per mesi e giorni con un gruppo di spagnoli. Geniali, spericolati, velocissimi … ma anche gelosi, invidiosi, permalosi, insidiosi, la sola cosa che si salva sono le ‘moti’ … insomma, talvolta vedendoli insieme raggruppati sembrano i sette nani senza Biancaneve. L’impressione aumenta a causa della bottiglia di spumante finale, di dimensioni inusuali, e a causa delle miss con tacco a spillo 12.
Ma c’è anche il Broker Rossi. Si è suicidato, e le parole mancano. Abbastanza per capire che la crisi interna della Chiesa tocca oggi i suoi livelli di guardia. I frati minori francescani speculano e investono il denaro dei poveri, che già, secondo la regola di Francesco, non dovrebbero neppure possedere? E non parlo di estranei, ma di persone che conosciamo bene sul territorio bresciano, e che hanno stabilito nel tempo solide relazioni con il gruppo di M. Negri. Naturalmente preghiamo per i frati che sono nostri fratelli e anche amici. Pecunia non olet dice l’adagio latino, certamente insufficiente a definire tutta la realtà e soprattutto le parole del Vangelo. Benvenuti dunque nelle grandi inchieste: lo IOR, mistero nascosto da mezzo secolo, i Camilliani, i Salesiani, la Congregazione dei figli dell’Immacolata Concezione, I padri dell’immacolata di Santa Maria Maggiore, i legionari di Cristo, Montecassino ecc… sesso, potere, denaro. 
A proposito, le Aquile della morte hanno deciso di suonare ancora al BATACLAN di PARIGI  dopo la strage: errare humanum est perseverare autem diabolicum … 
 
KISS THE DEVIL.